Riflessioni sull'insegnamento della seconda lingua comunitaria
in classi aperte
nella scuola secondaria di primo grado 


Gli insegnanti di L2 della sms Nievo-Matteotti si sono interrogati sugli effetti che l'organizzazione in classi aperte può avere sull'insegnamento della seconda lingua comunitaria nella scuola secondaria di primo grado. 
Per la raccolta dati si sono basati sull'esperienza maturata all'interno del proprio Istituto e sul confronto con i colleghi della sms Vico che, in un'ottica di progetto di SCUOLA DI QUALITÀ, hanno votato nell'ultimo Collegio Docenti di marzo, con ampio consenso, per il ritorno a classi normali con abbinamento di una sola lingua comunitaria per sezione.
La raccolta dati si è limitata a queste sole due scuole poiché sono le uniche di Torino in cui sia presente tale organizzazione. Presso la sms Viotti, infatti, la sperimentazione era stata avviata in passato su un solo corso con L2 francese/tedesco ma è stata subito sospesa alla fine del triennio.
Le riflessioni emerse da tale ricerca sono raccolte in un documento in cui sono evidenziate le criticità riscontrate a seguito di tale sperimentazione. 
(visionare il documento) 

Il secondo documento presenta l'elenco delle scuole di Torino e di parte della provincia e fotografa la situazione di L2 su questa parte del territorio. 
(visionare l'elenco) 
La tabella presenta nella prima colonna le scuole con offerta formativa L2 francese, nella seconda colonna quelle in cui si può scegliere tra francese e spagnolo o francese e tedesco classi normali con una sola lingua abbinata a sezione e nella terza colonna quelle in cui ci sono le classi aperte.
 
L'elenco delle scuole di Torino dovrebbe essere completo perché è stato scaricato dal sito MIUR.
I controlli sono stati fatti telefonando a colleghi, segreterie delle scuole, Dirigenti e consultando i siti dei vari Istituti. Per le scuole della provincia abbiamo indicato solo quelle per cui siamo riusciti a reperire informazioni sicure.